Text Size
   

Una nuova Open Data Charter? Oggi serve ancora?

Nel 2013 su iniziativa del G8 fu pubblicata l'Open Data Charter firmata da Stati Uniti, Giappone, Germania, Francia, Regno Unito, Italia, Canada e Russia con la finalità di far convergere i Governi degli otto paesi su politiche comuni e condivise sugli open data.

In Italia però non ebbe molto riscontro. In effetti non si sa neppure quali sono stati gli effetti concreti. Nel maggio del 2015 il Canada, il Messico e diverse altre organizzazioni hanno promosso un percorso partecipativo di rilancio dell'Open Data Charter con una consultazione online che si è chiusa ad agosto scorso.

La nuova versione dell'Open Data Charter è focalizzata su sei principi basiliari: l'Open by Default; dati tempestivi e completi; accessibili e usabili; comparabili e interoperabili; volti ad una migliore la Governance e il coinvolgimento dei cittadini; volti allo sviluppo inclusivo e all'innovazione.

Nulla di nuovo quindi. Sono i principi base dell'open data da quando è nato questo movimento.

Questa dell'Open Data Charter mi sembra un'azione che invece di accelerare il processo, lo rallenta (tre anni di profonde riflessioni!) per raccontare l'open data con le parole e non con i fatti.

Add comment


Security code
Refresh

ogd_ebook_2014
ogd_ebook

Collegàti a OGD

Notizie dal mondo del GIS
Geoforus - geography & techology network 

Il manuale dell'Open Data in italiano
Opendatamanual

Il sito del Governo degli Stati Uniti dedicato all'OpenData e al OpenGeoData
data.gov

Il sito del Governo Italiano dedicato all'OpenData
data.gov.it

L'Associazione italiana dell'Open Government
datagov.it

Associazione Italiana Geospatial Free and Open Source Software
GFOSS

Le licenze Creative Commons in italiano
Creative Commons Italia

Licenza d’uso

tutti i contenuti pubblicati sul sito sono licenziati secondo la licenza Creative Common – BY 3.0

LA RiPUBBLICA ITALIANA

ImageIl Progetto

Il catalogo delle applicazioni di riuso dei dati geografici aperti.

Rapporto sull'OpenGeoData

Disponibile il nuovo rapporto (al 31 dicembre 2014) sulla disponibilità di dati geografici aperti in Italia. All'interno tutti i link utili: leggi, documenti, siti e dataset.

Chiediamo dati aperti

ImagePartecipa anche tu!

Inviate una lettera agli enti per sollecitare l'apertura dei geodati.